Fondo Patrimoniale

Fondo Patrimoniale per proteggere la tua casa

  • Hai una partita IVA, fai l’imprenditore ?
  • Temi di perdere la casa, se le cose vanno male?
  • Hai paura del fisco, oppure delle banche?

La soluzione per te potrebbe essere il Fondo Patrimoniale perché è un modo poco costoso e molto efficace per proteggere i tuoi beni.

Il fondo patrimoniale: a cosa serve

Se hai la partita IVA ed il tuo business inizia ad andare male la prima tentazione è quella di non pagare gli F24.

Molti imprenditori con problemi di liquidità usano il fisco come se fosse un “prestasoldi“,

Spostano più in la nel tempo i pagamenti delle imposte, sperando poi di usare il “ravvedimento operoso” per rimettersi in pari.

In altre parole puoi sfruttare la possibilità di tardare i pagamenti delle tasse, pagando in seguito con una piccola sopratassa che ti costa probabilmente molto meno che il fido della banca.

In questi casi corri il rischio che la situazione ti sfugga dalle mani ed in poco tempo ti ritrovi con un sacco di debiti con il fisco.

Appena abbassi la guardia arrivano le cartelle esattoriali di Equitalia.

Se sei proprietario di un immobile  (oppure di un’auto) devi sicuramente pensare a proteggerli dal fisco, da Equitalia e dalle banche.

Se hai una ditta individuale (oppure peggio ancora una SNC) allora ricordati che rispondi per gli eventuali debiti con tutti i tuoi beni personali…. presenti e FUTURI!!!

Quindi ti serve un sistema per proteggerei tuoi beni!

Il Fondo Patrimoniale è un sistema per proteggere tutti i tuoi beni e non renderli pignorabili quasi da nessuno.

Cos’è esattamente il Fondo Patrimoniale?

Si tratta di un Atto Notarile che va a creare un “patrimonio separato“, ovvero che prende la tua casa e la sposta in un nuovo contenitore destinato solamente ai bisogni della famiglia.

Per famiglia si intende due coniugi regolarmente sposati, quindi niente convivenze o unioni civili.

Quindi per avere un Fondo Patrimoniale è sufficiente stipulare l’atto dal Notaio e quello sarà l’unico costo che dovrai sostenere.

Non ci sono ulteriori costi annuali e nemmeno ulteriori tasse, salvo quanto pagherai per l’atto notarile iniziale.

Il fondo rimane attivo fino a che durano gli effetti civili del matrimonio oppure finché non decidi spontaneamente di cessarlo (perché dovresti ?).

Quindi se per caso divorzi il Fondo Patrimoniale si estingue, salvo il caso tu non abbia dei figli minorenni.

In questo caso il Fondo Patrimoniale rimane in essere finché tutti i figli non abbiamo raggiunto la maggiore età.

Quindi se hai una attività in proprio e le cose iniziano ad andare male ti puoi ritrovare Equitalia oppure le banche che ti pignorano la casa, mentre se hai fatto il Fondo Patrimoniale le cose sono diverse.

Il Fondo Patrimoniale funziona davvero?

Il Fondo Patrimoniale impedisce ai creditori di pignorarti la casa, salvo che i debiti non siano nati per l’interesse della famiglia.

Quindi se hai chiamato un imbianchino per farti tinteggiare la casa e poi non lo paghi, oppure non paghi le spese condominiali, allora ti potranno pignorare la casa.

Se invece hai dei debiti “estranei” alla famiglia allora il fondo patrimoniale ti tutela sempre al 100%.

Il capitolo “fisco” merita un approfondimento perché se hai una partita IVA e magari sei l’unico in famiglia che porta a casa la pagnotta allora sarà quasi impossibile dimostrare al fisco che il tuo business non ha niente a che vedere con il benessere dei tuoi cari… vivono grazie a te ed alla tua attività!

Anche in questo caso esiste una soluzione semplicissima: trasforma il tuo business in una SRL!

Se non sai come si fa a trasformare la tua attività in SRL allora leggi questo articolo.

Se hai una SRL allora il tuo business non è più legato alla tua persona e nemmeno alla tua famiglia, quindi il Fondo Patrimoniale tornerà ad essere sicuro al 100%.

Quando devo fare il Fondo Patrimoniale?

La risposta a questa domanda è sempre e solo una: devi fare il Fondo Patrimoniale PRIMA di combinare pasticci oppure di avere debiti, ovvero quando sei ancora “in bonis“.

Se invece hai già dei debiti allora i tuoi creditori hanno 5 anni di tempo per chiedere la revoca del tuo Fondo Patrimoniale.

Si chiama “azione revocatoria” ed è una causa che va discussa in tribunale ed è per questo motivo che alle volte qualcuno usa il Fondo Patrimoniale per “prendere tempo” contando sulla lentezza della giustizia, soprattutto considerando il costo davvero minimo per la costituzione del Fondo.

La scelta dei “tempi” è quindi molto importante perché se attivi il Fondo Patrimoniale e dopo pochi giorni fai debiti, allora il tuo creditore potrà facilmente tentare di dimostrare che hai creato il Fondo solo per evitare di restituire i soldi.

Questa cosa in tribunale si chiama Frode, quindi è meglio non usare il Fondo Patrimoniale per “fare i furbi”.

Quindi se crei il tuo Fondo Patrimoniale “in epoca non sospetta” allora avrai un ottimo scudo contro i pignoramenti e contro il rischio di esecuzione forzata.

Quali beni puoi proteggere con il Fondo Patrimoniale

Puoi usare il Fondo Patrimoniale per proteggere tutti i tuoi immobili, la tua auto ed in genere tutti i beni mobili registrati.

Per capirci si tratta di quei beni che sono annotati i qualche registro pubblico come le moto, i camper, le barche e via dicendo.

Allo stesso modo puoi proteggere i titoli di credito nominativi ed, in alcuni casi, anche le quote delle tue società.

Quando devi evitare di usare il FP

Ti consiglio di evitare di usare il Fondo Patrimoniale in presenza di reati (penali) perché il Fondo sarebbe inutile ed il motivo è molto semplice:

i beni che si trovano dentro al Fondo Patrimoniale possono sempre essere confiscati in presenza di reati tributari.

Se hai rubato al fisco centinaia di migliaia di euro e poi, con quei soldi, ci comperi una casa allora il fisco non proverà nemmeno a pignorarla ma userà direttamente lo strumento della “confisca.

Quindi il Fondo Patrimoniale ti protegge dai tentativi di esecuzione forzata in presenza di debiti (anche tributari) ma non in presenza di reati (penali).

Un altro consiglio è quello di evitare di usare il Fondo Patrimoniale quando ci sono già debiti con il fisco perché qualsiasi tentativo di “fare il furbo” per non pagare si tramuterà in un reato abbastanza grave.

Si chiama reato di “sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte” e si innesca con queste due condizioni:

  • i tuoi debiti superano la soglia di 51.645 euro.
  • tenti di far sparire i tuoi beni per sottrarli alla riscossione forzata.

Il reato è abbastanza grave perché prevede la reclusione da 6 mesi a 4 anni, quindi fai attenzione e pianifica bene le tue mosse!

Se ti trovi in una situazione di “mare calmo” allora è il momento giusto per attivare il tuo Fondo Patrimoniale e goderti la serenità per il futuro.

Se invece la situazione si sta facendo difficile oppure ti servono dei consigli per proteggere il tuo Patrimonio allora contattami a questa pagina.

10 pensieri su “Fondo Patrimoniale per proteggere la tua casa”

  1. la parte sulla revocatoria ex art 2901 cc andrebbe integrata con l’art 2929-bis cc. Quest’ultima norma ha preso di mira anche il fondo patrimoniale, quale atto di vincolo di indisponibilità. Ai sensi dell’art. 2929 -bis cc in determinati casi la costituzione del fondo é inefficace per un anno dalla data dell’atto ed il bene immobile o mobile registrato saranno agevolmente pignorabili dai creditori muniti di titolo esecutivo…

    1. Ciao Roberto,
      la tua osservazione è decisamente corretta e pertinente e proprio per questo consiglio sempre di costituire il Fondo in “epoca non sospetta” ovvero, come dice il proverbio, il recinto va costruito PRIMA che gli animali fuggano.
      Grazie della segnalazione.
      MT

  2. Se ho capito bene, in presenza di una SRL(s) non vi e’ la necessita’ di proteggere i propri beni ? Anche se la SRL(s) e’ uninominale e quindi chi rischia, in fondo, e’ comunque l’Amministratore ?
    Grazie
    PC

    1. Ciao Paolo,
      in base alla mia esperienza ti posso dire che in campo fiscale la prudenza non è mai troppa, quindi non mi fiderei troppo di una SRL uninominale. Ho visto troppe volte estendere il fallimento all’unico socio persona fisica, quindi la soluzione che proponi non mi soddisfa al 100%.
      Saluti.
      MT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *