trasformare la ditta individuale in srl

trasformare la ditta individuale in SRL senza problemi

Come trasformare la ditta individuale in SRL senza commettere errori

Se stai leggendo questo articolo probabilmente stai valutando di trasformare la ditta individuale in SRL.

I vantaggi di avere una SRL sono diversi:

  • con la SRL ti puoi proteggere in modo efficace se il business dovesse andare male;
  • puoi arrivare a scaricare molti più costi e, di conseguenza, pagare meno tasse;
  • puoi pagare meno contributi INPS (leggi qui come fare).

Quanto chiedi al tuo consulente come fare per trasformare la ditta individuale in SRL si apre un mondo di risposte tutte diverse e molto spesso piene di contraddizioni.

Ora facciamo chiarezza e vediamo come devi fare per passare dalla ditta individuale alla SRL per non avere problemi.

Esistono solamente due modi di trasformare la ditta individuale in SRL: uno sbagliato ed uno giusto.

Vediamo nel dettaglio quali sono queste due procedure.

Come trasformare la ditta individuale in SRL (e mettersi nei guai)

Molti consulenti ti dicono che è molto semplice trasformare la ditta individuale in SRL perché ti basta aprire la nuova SRL e chiudere la vecchia partita IVA personale.

Ti consigliano questa strada perché è molto semplice e decisamente poco costosa: basta andare dal Notaio ed aprire una SRL-semplificata e poi chiudere la vecchia partita IVA.

In questo caso la SRL-semplificata ti costerebbe solamente 300 euro.

Puoi fare una fattura per cedere le eventuali attrezzature che sono caricate nella tua partita IVA personale in modo di trasferirle alla nuova SRL ed il gioco è fatto.

Se ci sono dei dipendenti allora basta avvisare il consulente del lavoro in modo che faccia un “passaggio diretto”.

Questa procedura sembra molto vantaggiosa perché estremamente semplice e ci devi mettere pochi soldi.

Puoi aprire la SRL-semplificata con un capitale molto ridotto, anche poche centinaia di euro.

Una volta che avrai la nuova partita IVA della SRL inizierai ad emettere le fatture a nome della nuova società ed il gioco è fatto!

Perché dovrebbe essere rischioso? Il motivo è semplicissimo:

per il fisco quando passi i dipendenti, le attrezzature ed i clienti della tua vecchia partita IVA alla nuova SRL stai praticamente vendendo l’azienda.

In pratica quando segui questo consiglio ti stai mettendo in guai molto seri perché hai simulato una cessione di azienda (ovvero una vera a propria vendita).

Cedere attrezzature oppure merce in magazzino con singole fatture equivale a fare delle cose che singolarmente sono legali ma, una volta messe tutte insieme, diventano un’unica operazione.

In altre parole le singole vendite si trasformano in una cessione d’azienda!

Se arriva un un controllo dell’Agenzia delle Entrate sicuramente ti contestano l’operazione.

Per prima cosa hai il problema dell’IVA sulle fatture perché la cessione d’azienda deve pagare l’imposta di registro (e non l’IVA).

Il secondo problema sta nel fatto che, quando cedi l’azienda, si presume che ci sia anche un prezzo, ovvero un valore.

Questo valore si chiama “avviamento” e misura quanto vale la tua azienda sul mercato.

Quindi ti ritroverai, senza saperlo, ad aver “venduto” la tua azienda (alla SRL) senza aver pagato le tasse su questa vendita.

Le tasse ovviamente vanno calcolate sul valore di mercato.

Indovina chi sarà a determinare questo valore ? Hai già capito: i funzionari dell’Agenzia delle Entrate!

Se per ipotesi la tua azienda vale 100k allora ti trovi facilmente a pagare una multa che può superare anche i 50K.

Direi che questo modo di trasformare la ditta individuale in SRL proprio non va bene.

Capisco che tu voglia risparmiare ma questo sistema è decisamente scorretto e rischioso.

Confidare sulla possibilità di non essere beccati dai controlli non è mai una buona strategia.

Trasformare la ditta individuale in SRL nel modo corretto e senza rischi

Ora che hai capito perché il consiglio che ti danno molti consulenti è decisamente sbagliato vediamo come devi procedere per non avere problemi.

Per non correre rischi devi seguire l’unica strada legale:

Per trasformare la ditta individuale in SRL devi usare un atto notarile di conferimento.

Immagina che l’atto di conferimento sia un imbuto con il quale puoi “travasare” la vecchia partita IVA nella nuova SRL.

Si tratta di un atto che devi fare obbligatoriamente dal notaio.

Non ci sono altre scappatoie e neppure metodi fai-da-te.

Ci sono molti vantaggi nell’usare l’atto notarile di conferimento:
l’atto di conferimento è uno strumento legale (lo fai dal notaio) quindi non è mai “attaccabile” da parte dell’Agenzia delle Entrate.

il conferimento ti permette di “trasferire” tutto quello che stava nella vecchia partita IVA e portarlo nella nuova SRL.

Questo significa che non avrai nessun problema con i dipendenti, i clienti, i fornitori e via dicendo.

Non ci sono tasse da pagare perché non è un atto di vendita.

Non c’è problema con l’IVA sui beni e le attrezzature “conferite” perché non si tratta di un atto di vendita.

Ora ti starai sicuramente chiedendo:

ma se ci sono tutti questi vantaggi perché tutti fanno in un altro modo e sbagliano?

La risposta è molto semplice: per il conferimento ci vogliono più soldi!

Per prima cosa serve un atto notarile che costa circa 2.000 euro e poi serve una “perizia di conferimento”.

Questa perizia di conferimento è un documento che deve obbligatoriamente essere allegato all’atto notarile.

La perizia può essere preparata solamente da un commercialista abilitato (e non tutti lo sono) ma soprattutto devi avere un professionista capace di prepararla.

La perizia di conferimento è un documento che deve essere “giurato” dal professionista.

Ci sono consulenti i che non ne hanno mai fatta una in vita propria e non prendono volentieri l’incarico di giurare in tribunale (o dal notaio).

La perizia serve per dare valore legale ai tuoi dati contabili e fiscali ed il professionista deve prendersi la responsabilità di “giurare” che i dati sono corretti.

Per questo motivo un perito potrebbe chiederti una cifra che va dai 1.500 ai 3.000 euro a seconda della complessità del lavoro da svolgere.

Tutta l’operazione per dormire sonni tranquilli potrebbe costarti dai 3500 ai 5000 euro, contro gli apparenti 300 della soluzione fai-da-te.

E’ sicuramente una bella differenza, ma cosa succede se per caso beccano proprio te?

Per concludere se vuoi trasformare la ditta individuale in SRL hai due strade:

  • spendi poco e ti prendi tutti i rischi
[/su_list] oppure

  • spendi un po’ di più ed i rischi se li prendono il notaio ed il perito

Il mio consiglio è di lavorare sempre con la legge dalla tua parte e di evitare di commettere banali imprudenze che possono costare molto caro.

Se ti serve un consiglio per trasformare la ditta individuale in SRL allora premi il bottone qui sotto per contattarmi.

 

9 pensieri su “trasformare la ditta individuale in SRL senza problemi”

  1. Salve dottor Tonci,
    ci sono casi in cui si può evitare, in sicurezza, il conferimento?
    Ad esempio se sono un artigiano senza dipendenti e con pochi beni strutturali, oppure aprire una partita iva solo per testare una idea di business.

    1. Ciao Giuseppe,
      ci sono casi in cui si può passare con il semaforo rosso? in teoria no, in pratica qualcuno lo fa ed il rischio di essere pizzicati va valutato caso per caso.
      Saluti.
      MT

  2. Essendo venuto a sapere, grazie a Lei, dei grandi vantaggi della srl rispetto alla ditta individuale, mi chiedo se ha un senso per una start up, ossia un’esperienza imprenditoriale di cui non si conoscono gli sviluppi di fatturato, partire direttamente con una srl per non dover andare incontro, magari entro un anno, ai costi del conferimento, notarile e del commercialista.
    Grazie
    Giovanni

  3. Buongiorno. Si può chiudere definitivamente con la ditta individuale e, poi, in modo separato e non conseguente, aprire una srl semplificata?
    Grazie

  4. Salve Massimo.
    Nel caso si voglia trasformare una Srls nella “sorella maggiore”, l’unico adempimento degno di nota é l’adeguamento del capitale sociale a € 10.000,00 ?
    Sono necessarie altre correzioni/spese?

    Magari all’università spiegassero le cose chiaramente come fa lei…

    Grazie mille in anticipo!

I commenti sono chiusi.